Carlo V

Carlo V, locale del centro di Palermo, è un ristorante tra i più in voga della città che, grazie all’ottima accoglienza e alla bontà dei piatti, riesce a conquistare i palati di tutti i suoi clienti. Questo locale di piazza Bologni è infatti frequentato sia da turisti che da persone del luogo perché ammaliati sia dalle specialità di terra e di mare. Il locale è raffinato e le luci, alla sera soffuse, come gli archi e le pareti di pietra a vista donano un tocco di eleganza maggiore. Da non perdere le cipollate- uno dei più classici "arrusti e mangia" siciliani - le polpette e, per qualcosa di più leggero, l’insalata alla Norma, con pomodorini cipolla e ricotta scheggiata. Prezzi buoni e porzioni grandi. Che altro dire? Prenotate con Quandoo e non ve ne pentirete!

Orari di apertura

Oggi aperto - Aprirà alle 11:00
Domenica
11:00 - 02:00
Lunedì
11:00 - 02:00
Martedì
11:00 - 02:00
Mercoledì
11:00 - 02:00
Giovedì
11:00 - 02:00
Venerdì
11:00 - 02:00
Sabato
11:00 - 02:00

Indirizzo

Carlo V
Piazza Bologni 22
Palermo 90100

Il meglio del Menu

2496D586-2ACF-41D3-B35A-57ECED744716

Antipasti

Tris fumè

10,00 €

Prosciutto crudo e mozzarella di bufala

250 gr
9,00 €

Caponata siciliana

6,00 €

3 Recensioni su Carlo V

Eccellente
4.7/6
3 Recensioni
Rumore:Positivo
Servizio-personale:Piacevole
Qualità/prezzo:Positivo
Tempo d'attesa:Veloci
Atmosfera:Molto buona
Cibo:Delizioso
"Eccellente"
6/6
marilia r.2 mesi fa · 1 recensione

Buono il cibo suggestiva la location ma quello che ho apprezzato tantissimo, ormai raro oggi, è stata la cortesia professionalità e simpatia del personale e di conseguenza del titolare. Bravi

"Ottimo"
5/6
Francesco C.6 mesi fa · 8 recensioni

Bellissimo ristorante al centro di Palermo locale molto raffinato Ottimo l'antipasto di pesce, primi eccezzionali il personale attento e molto cortese da ritornare sicuramente! !

"Discreto"
3/6
Marco M.7 mesi fa · 1 recensione

Il Cibo non ci ha entusiasmato con i vostri voti da 4/6, locale ben arredato e molto confortevole da 5/6, ma il servizio è da dimenticare 1/6. Peccato